La mia estate ad Amsterdam

di Gaia Lucrezia Russo IF

Amsterdam è una delle mete più ambite dagli italiani, nota in tutto il mondo per la legalizzazione della prostituzione e della marijuana, ma anche per la miriade di biciclette che l’attraversano, i canali e l’arte che si fa largo spazio nei vari quartieri e nei parchi oltre che nella famigerata piazza Dam. Quest’estate anche io mi sono lasciata travolgere da uno spirito libertino che mi invogliava a partire per l’Olanda e sono andata a visitare questa città tanto sognata. Cosa ricordo del mio viaggio ad Amsterdam? Non molto, credo sia stato magico. C’erano i Draghi. A parte gli scherzi è stato veramente un viaggio fantastico, in una città accogliente dove lavorano ormai più italiani che olandesi. In albergo, nei locali e nei musei l’italiano che vi lavora ti riconosce subito e ci tiene ad essere lui a starti vicino. Non si sa se sono così disponibili per nostalgia verso il loro paese natio o perché sanno che l’italiano medio preferisce interloquire con un compaesano. Sì, perché se in Italia non ci si tollera neanche tra quartiere e quartiere, quando si parte dal’Italia non esiste più né nord né sud, incrociare un italiano all’estero basta per rallegrarti la giornata.

Per quanto riguarda i musei, molti ridono quando si dice di fare un viaggio culturale ad Amsterdam, eppure dal punto di vista storico-artistico questa città ha parecchio da offrire. Ad esempio piazza Dam, a 5 minuti a piedi dalla stazione centrale della città, ospita spesso molti artisti di strada ed è continuamente colorata da iniziative ed eventi, ma soprattutto è nota per il Palazzo Reale (all’interno del quale ancora si svolgono cerimonie ufficiali), il museo delle cere Madame Tussaud, la Chiesa Nuova e il Monumento Nazionale, un basilisco in memoria dei caduti olandesi durante la seconda Guerra Mondiale. Parlando di arte ad Amsterdam, però, il pensiero va subito a Van Gogh. Il Van Gogh Museum al suo interno mette in mostra non solo le più celebri opere del noto pittore, ma anche le sue epistole, la tavolozza e soprattutto molte opere di artisti a lui precedenti o contemporanei che l’hanno influenzato o l’hanno aiutato a perfezionare le sue tecniche. Il museo invita i visitatori a prenotare una guida nella propria lingua, per potersi informare su qualche curiosità in merito alla personalità di Van Gogh, oltre che per farsi illustrare i quadri più famosi dell’artista; in alternativa è possibile scaricare l’app o prendere l’audio guida per poter associare i luoghi che hanno ispirato il pittore ai quadri e paragonare l’Olanda di ieri con quella di oggi.

Frastornata all’uscita dal museo mi rendo conto d’averci trascorso 5 ore, pertanto mi dirigo all’elegantissimo Hard Rock che dal museo dista 10 minuti a piedi. Per quanto concerne il cibo, è facile imbattersi in qualche pub stile americano o ristoranti pseudo italiani, ma le pietanze tipiche olandesi meritano di essere assaggiate. Purtroppo o per fortuna non ho avuto il coraggio d’assaggiare il panino con l’aringa cruda, ma sfido qualcuno più intrepido di me a provarlo, perché in molti mi hanno detto che merita. Personalmente consiglio con tutto il cuore i dolci, ottimi i pancakes e la torta di mele. Nel percorrere le strade di Amsterdam spesso ho confuso la pista pedonale con quella delle bici, dunque dopo due giorni mi sono munita anche io di bicicletta e ho continuato da brava turista a pedalare in direzione dei musei, verso il mercato dei fiori e nel Vondelpark. Il Moco Museum ( con la mostra su Bansky e Dalì ) e il Rijksmuseum, limitrofi al museo dedicato a Van Gogh, sono da non perdere, mi hanno felicemente stupita; il mercato dei fiori, invece, è molto carino, ma avevo aspettative decisamente più alte. Il Vondelpark è un giardino all’inglese all’interno del quale vi è un teatro all’aperto e vari bar e ristoranti, ma non mancano animaletti simpatici che scorrazzano tra le persone: anatre, scoiattoli, parrocchetti ecc. Ideale per rilassarsi o fare un po’ di jogging, è diventato l’emblema della città.

L’ultima sera ad Amsterdam ho di nuovo messo i piedi a terra, ma per scendere dalla bici e salire sul battello così da godermi l’illuminazione notturna dei ponti e delle case sviluppate in altezza. Durante la visita è stato possibile usufruire di audio guide che svelano i segreti della città e raccontano della sua particolare e affascinante architettura.

Concluso il viaggio, mi riprometto di tornare per visitare anche le cittadine nei dintorni e magari in compagnia di qualche amico col quale condividere la spensieratezza, l’allegria e il bizzarro fascino di questa città.

Un pensiero riguardo “La mia estate ad Amsterdam

  • 11 Giugno 2018 in 16 h 24 min
    Permalink

    Sono stato ad Amsterdam nel lontano 1989 e sinceramente non mi ricordo molti so solo che la città mi era piaciuta molto. Anch’io mi ero ripromesso di ritornare ma poi non si è più presentata l’occasione e quindi non ci sono più andato. A ben pensarci mi piacerebbe tornare ancora una volta per vedere che impressione mi farebbe dopo quasi 30 anni.

    Un saluto

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *